KENZO | PRINGO
Cultura, Graphic Design

Il Rebranding del direttore Felipe Oliveira Baptista | KENZO

Il primo cambiamento realizzato dal nuovo direttore creativo Felipe Oliveira Baptista, nominato nel mese di Luglio del 2020, è stato un’update del marchio KENZO. La scelta di trasformare il logo in un gioco di costruzioni ha portato inevitabilmente ad una nuova associazione dell’identità visiva della casa di moda, trasmettendo una nuova libertà di espressione pur mantenendo gli ideali del suo fondatore Kenzo Takada, scomparso nel mese di Ottobre.

 

Kenzo rebranding

“Da studente preferivo i creativi intellettuali, Kenzo Takada mi pareva quasi ‘troppo europeo’. Poi però, quando ho conosciuto meglio il suo lavoro, ne ho colto l’energia e l’intelligenza: le sue collezioni avevano carattere pur rimanendo facili da capire e da indossare. Io voglio fare come lui, voglio che la gente compri i cappotti, i vestiti e le giacche che presento in sfilata, non solo i cappellini e le T-shirt: faccio abiti, non merchandising. Senza contare poi che questo è ciò che oggi, a mio parere, dovrebbe intendersi per moda sostenibile: capi ben fatti da usare a lungo”.
Intervista al direttore creativo di Kenzo Felipe Oliveira Baptista

 

 

Kenzo rebranding

Il rebranding oltre ad aver mantenuto le caratteristiche storiche del marchio, ovvero uno spirito entusiasta e sempre aperto al mondo, ha portato una ventata d’aria fresca e di energia nel mondo della moda. Inoltre uno degli aspetti fondamentali su cui hanno puntato i disegnatori è stata la possibilità di creare un logo che si potesse animare, una costruzione che potesse dare vita ad infiniti disegni astratti, nonché libertà di espressione.

 

“Il logo originale, ora rivisitato, può essere animato e può quindi diventare il punto di partenza per disegni astratti. Questa è la base di un nuovo linguaggio del marchio e la cura di integrarlo nei suoi disegni di abbigliamento.”
Commento di Felipe Oliveira Baptista

 


Fonti e immagini:

Repubblica.it

Kenzo.com

Ninjamarketing.it

nssmag.com

Pringo

Kenzo rebranding